CCV commenta il rapporto tra clienti e collaboratori, ambiente e innovazione

Per realizzare le innovazioni, da una parte è necessario portare avanti lo sviluppo dei prodotti esistenti, dall’altra però occorre anche rompere le strutture ormai fossilizzate. Ma cosa occorre per essere innovativi? Come si giunge a un’innovazione e in che modo un’azienda può integrarla in modo duraturo e sostenibile? Qual è l’impronta ecologica del nostro operato sull’ambiente e fino a che punto le aziende sono disposte a cambiare mentalità? L’azienda preferisce focalizzarsi sui clienti o sui propri collaboratori? In occasione dello Zurich Film Festival, CCV Svizzera ha invitato alcuni rinomati esponenti della scena economica e sociale a partecipare a interessanti tavole rotonde.

 

Servono un cambio di mentalità e leader forti

La sostenibilità inizia già dal proprio atteggiamento. Si dovrebbero quindi elaborare nuovi concetti per far sì che tutti gli strati sociali possano attuare questo cambio di mentalità. Ad oggi, infatti, non tutti possono permettersi uno stile di vita ecologico e sostenibile.

 

Non di rado, lo sviluppo sostenibile viene indirizzato in una certa direzione per mezzo di divieti e regolamenti. Con riferimento all’ambiente, probabilmente questa è l’unica via percorribile per accelerare e promuovere un cambio di atteggiamento e di mentalità. Tutti riconoscono che si tratta di una questione che ha il suo prezzo. Anche per questo è essenziale trovare leader dalle solide finanze che diano impulso a tendenze e sviluppi e al tempo stesso promuovano un nuovo modo di vedere le cose. Solo così si potranno finanziare i nuovi divieti e i nuovi regolamenti.

 

Il cambiamento innesca l’innovazione

Spesso a innescare le innovazioni sono i risultati aziendali negativi o l’aumento della pressione esercitata su un’impresa. Anche i cambiamenti al vertice tra i quadri dirigenti possono introdurre una nuova prospettiva, stimolando di conseguenza l’innovazione. Il fatto che a realizzare idee molto innovative siano spesso e soprattutto le piccole imprese dimostra tuttavia che le aziende sotto pressione sono molto più intraprendenti e danno vita così ad autentiche innovazioni.

 

Ai giorni nostri, l’innovazione è strettamente collegata all’esigenza di suscitare emozioni e creare esperienze di valore. Infatti, solo chi associa emozioni a un prodotto o a un servizio resta fedele nel tempo a un’azienda. Se si riesce a suscitare entusiasmo nei clienti, a sorprenderli e soprattutto a semplificare il più possibile il processo d’acquisto, le chance di sopravvivenza sul mercato saranno maggiori.

 

Niente collaboratori senza clienti, niente clienti senza collaboratori

I collaboratori e la loro esperienza sono il capitale più prezioso di un’impresa, ma al tempo stesso anche la risorsa più costosa. Tuttavia, è risaputo che entrambe le parti sono importanti per la sopravvivenza di un’azienda. Le declinazioni poi variano a seconda del settore o dell’ambito di specializzazione. Per quanto riguarda temi quali ricerca e sviluppo, ad esempio, a occupare la scena sono i collaboratori, mentre quando si parla di start-up il mirino si sposta di più sui clienti.

 

Il tema della flessibilità che giocherà un ruolo centrale nei cambiamenti sul mercato del lavoro si trova al centro di un dibattito aperto. Mentre il lavoratore del futuro provvederà a presentare se stesso e le sue competenze online, i datori di lavoro cercheranno le figure professionali di cui hanno bisogno attraverso i social media. Rimarrà tuttavia un aspetto da valutare con cura, ossia la questione dell’identificazione. Infatti, solo quei collaboratori capaci di identificarsi con l’azienda contribuiranno al raggiungimento di prestazioni di altissimo livello.

 

 

CCV, il Suo partner per soluzioni di pagamento elettroniche.

CCV propone soluzioni di pagamento elettroniche alle aziende, spaziando dal commercio al dettaglio alle catene internazionali di hotel. L’attività di sviluppo e manutenzione delle varie infrastrutture di pagamento rappresenta il nucleo centrale della nostra organizzazione: per il commercio stazionario o mobile, l’e-commerce, l’m-commerce e le casse Self Checkout. In stretta collaborazione con i nostri partner (produttori di terminali e casse così come banche), lavoriamo alle tecnologie di ultima generazione riducendone costantemente la complessità. Grazie a una visione globale delle esigenze dei nostri e dei Suoi clienti, garantiamo così un’esperienza di acquisto ottimale.

 

CCV coordina le filali nazionali in Olanda, Germania, Belgio e Svizzera con circa 900 collaboratori che lavorano presso 9 diverse sedi.

Per ulteriori informazioni ci contatti:

CCV Svizzera SA
Feldeggstrasse 5
8152 Glattbrugg
www.ccv.ch

Hansruedi Nef
Head Sales & Marketing
T. 058 220 60 00
E. media@ch.ccv.eu